Miglioramento di piani di Manutenzione e di Ispezione

Cliente – KRI SpA

Luca Surace e Massimiliano Sorrentino, rispettivamente Maintenance & Investements Engineer e Coordinator presso Q8, hanno condiviso la loro esperienza relativamente alle attività svolte dal Gruppo Igeam per KRI SpA nel campo dell’ingegneria della manutenzione. 

I professionisti di Igeam sono stati coinvolti nella valutazione e revisione dei piani di manutenzione preventiva e correttiva implementati presso le basi logistiche del cliente e lungo l’oleodotto di collegamento.

L’attività svolta ha creato le condizioni per la realizzazione di un’analisi di miglioramento, nella quale l’integrazione di competenze di tipo ingegneristiche, sistemistiche, probabilistiche e di analisi dati, consente di ottenere una visione complessiva del processo di gestione della manutenzione e di integrità degli asset aziendali di un impianto produttivo.

L’Ing. Luca Surace è laureato a Padova in Ingegneria Ambientale – settore processo chimico, e ha maturato una pregressa esperienza di 5 anni all’estero, nella cantieristica in ambito Oil&Gas, ed è entrato in Q8 Italia nel 2015.

L’Ing. Massimiliano Sorrentino, laureato a Napoli in Ingegneria per l’ambiente ed il territorio, ha una lunga esperienza di coordinamento ambientale in Q8 Italia e un forte interesse verso i grandi progetti di bonifica ambientale.

Manutenzione preventiva e correttiva di depositi e oleodotto: le necessità di KRI SpA

KRI SpA, società del gruppo Q8 Italia, gestisce due depositi di prodotti petroliferi e un oleodotto di collegamento. I suoi asset, precedentemente di proprietà e gestione del gruppo Shell Italia, vengono acquistati nel 2014. Durante la fase di integrazione dei processi aziendali nella nuova corporate è venuta alla luce la necessità di valutare, ed eventualmente revisionare, i piani di manutenzione preventiva e correttiva implementati presso le basi logistiche KRI SPA e lungo l’oleodotto di collegamento. La società si è interrogata sullo stato di attualità dei piani di manutenzione rispetto allo stato di fatto impiantistico, agli investimenti migliorativi negli asset compiuti nel corso degli anni e alla normativa di settore.

Un team, composto da tre addetti tecnici, un coordinatore tecnico e un ingegnere di manutenzione, gestisce le manutenzioni preventive e correttive degli asset di proprietà dell’azienda nonché i progetti di investimento sui medesimi. All’interno di questo team, la task force che ha prevalentemente seguito il progetto di miglioramento dei piani di manutenzione e di ispezione è costituita dall’Ing. Luca Surace e l’Ing. Massimiliano Sorrentino.

Come è stato scelto il Gruppo Igeam

Crea/Igeam è stata scelta attraverso un processo di gara competitiva fra diversi fornitori. Lo scoring model che ha orientato oggettivamente KRI alla scelta si è basato:

  • sulle informazioni relative ai CV del team di lavoro;
  • sulle pregresse esperienze in altre società afferenti al gruppo Q8;
  • sulla pregressa esperienza in progetti analoghi a quello in via di completamento;
  • sulla proposta economica.

La soluzione proposta dal
Gruppo Igeam

La soluzione proposta, caratterizzata da un approccio integrato RAMIS (Reliability Availability Maintenance, Integrity & Safety) e data warehousing, ha permesso di realizzare le seguenti attività:

  • Reverse Engineering degli storici di manutenzione
  • Determinazione del carico di lavoro derivato dagli storici
  • Analisi FMECA (Failure Mode, Effects and Criticalities Analysis)
  • Redazione dei nuovi piani di manutenzione
  • Migrazione dati nel nuovo CMMS

I benefici delle soluzioni

Il processo ha comunque vissuto delle criticità legate alle attività di creazione dei database che dovranno poi essere migrati all’interno del nuovo sistema CMMS.

Queste difficoltà sono state superate grazie all’effettiva e continua collaborazione fra i team di lavoro che hanno lavorato su progetti paralleli con alcune integrazioni comuni.

L’efficace implementazione del progetto di miglioramento dei piani ispettivi e manutentivi permetterà al team di gestione del processo di manutenzione dei depositi e oleodotto di ottenere:

  • un miglioramento della qualità del lavoro quotidiano;
  • un miglioramento dei processi che gestiscono la manutenzione grazie all’incremento dell’automazione di processo;
  • una compliance normativa maggiormente aderente alle raccomandazioni/prescrizioni degli enti preposti ai controlli;
  • una maggiore certezza di avere sotto controllo l’intera integrità degli asset.

L’assessment e la revisione dei piani di manutenzione è uno dei primi step di miglioramento iniziati dalla società, assieme alla revisione di tutte le procedure SGS collegate anche alla direttiva Seveso, essendo il sito in considerazione “Alto rischio”.

In questo modo KRI SpA potrà accedere a un processo di certificazione del sistema di gestione integrato (qualità, ambiente, sicurezza) ed eventualmente alla qualifica del sistema manutentivo ai sensi de UNI 11414, “Linee guida per la qualificazione del sistema di manutenzione”.

Risultati ottenuti

L’attività svolta ha creato le condizioni per la realizzazione di un’analisi di miglioramento, nella quale l’integrazione di differenti competenze (ingegneristiche, sistemistiche, probabilistiche e di analisi dati) consente di ottenere una visione complessiva del processo di:

  • gestione della manutenzione;
  • integrità degli asset aziendali di un impianto produttivo.

Focus

Ingegneria della manutenzione e
impianti industriali

CONTATTACI

Hai bisogno di assistenza nella definizione
di piani di manutenzione per i tuoi impianti?

CHIAMACI

Un nostro professionista è a disposizione per conoscere le tue necessità.

T    0544 1738014
M   331 5050547

Questo contenuto ti è piaciuto?
Non perderti nessuna novità con la newsletter di Igeam