Abolito il Sistri, ecco il registro elettronico per la tracciabilità dei rifiuti
Corso RSPP e ASPP Igeam
Corso RSPP e ASPP
22 Febbraio 2019
Cantieri stradali segnaletica sicurezza
La segnaletica dei cantieri stradali: come cambia la gestione della sicurezza
5 Marzo 2019

Abolito il Sistri,
ecco il registro elettronico per la tracciabilità dei rifiuti


Come è noto, alla fine del 2018 è stato definitivamente abolito il Sistri, il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti. La soppressione è diventata effettiva quando il Decreto “Semplificazioni” è stato convertito in legge.

Le ragioni che hanno portato all’abolizione del Sistri sono molteplici. Con la sua introduzione nel 2010 si intendeva rafforzare il processo di informatizzazione della tracciabilità dei rifiuti speciali. L’obiettivo era centralizzare il sistema di rilevazioni attraverso l’utilizzo di dispositivi elettronici.

Di fatto, però, il Sistri non è mai entrato in funzione. Come ha osservato il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, il sistema di controllo ha rappresentato in questi anni “uno dei più grandi sprechi nella gestione dei rifiuti speciali”, con un costo per le imprese e lo Stato superiore a 140 milioni di euro dal 2010.

A questo punto, con l’abolizione del Sistri quali novità vengono introdotte? Cosa cambia per le aziende e gli enti direttamente coinvolti nel processo?

Dopo il Sistri, il registro elettronico per la tracciabilità dei rifiuti

Abolito il Sistri, le novità non si sono fatte attendere. Infatti a decorrere dal 13 febbraio 2019 è stato istituito il “nuovo” Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti, che nelle intenzioni rappresenta un passo in avanti rispetto al sistema precedente.

L’iscrizione al registro è richiesta:

  • ai produttori di rifiuti pericolosi;
  • agli enti e alle imprese che effettuano il trattamento dei rifiuti;
  • agli enti e alle imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale;
  • ai commercianti ed intermediari di rifiuti pericolosi;
  • ai consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di specifiche tipologie di rifiuti;
  • nel caso dei rifiuti non pericolosi, a tutti i soggetti dell’art.183, comma 3, D.Lgs.152/06.

 

Il Registro sarà gestito direttamente dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare. In particolare, attraverso un successivo decreto, il Ministero sarà chiamato a definire:

  • le modalità di organizzazione e funzionamento del registro elettronico nazionale;
  • le modalità di iscrizione dei soggetti obbligati e di coloro che intendano aderirvi in modo volontario (inclusi gli importi dovuti come diritti di segreteria e contributo annuale); 
  • gli adempimenti a cui sono tenuti questi ultimi soggetti;
  • le sanzioni amministrative pecuniarie da applicare qualora fosse violato l’obbligo di iscrizione o nel caso di un versamento mancante o parziale del contributo richiesto.

 

Il Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti dovrebbe avere una struttura più snella rispetto al sistema precedente, con costi di contribuzione inferiori rispetto a quelli previsti dal Sistri.

In attesa del successivo decreto, come devono comportarsi le aziende e gli enti interessati?

La tracciabilità dei rifiuti rimane garantita “con la tenuta del registro di carico e scarico e del formulario per il trasporto dei rifiuti, nonché con la trasmissione del MUD”.

In particolare, è necessario effettuare gli adempimenti nel rispetto degli articoli 188, 189, 190 e 193 del Codice Ambiente, nel testo previgente alle modifiche apportate dal decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 (decreto di attuazione della direttiva 2008/98/CE sui rifiuti).

CONTATTACI

Desideri ricevere la nostra assistenza
in ambito Ambiente&Energia?

CHIAMACI

Un nostro professionista è a disposizione per conoscere le tue necessità.

T    06 66991289
M   366 9142474

Questo contenuto ti è piaciuto?
Non perderti nessuna novità con la newsletter di Igeam

 

 

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Vuoi saperne sempre di più?

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter ed entra a far parte di una community di oltre 1.000 professionisti

La tua privacy è al sicuro. Noi siamo contro lo spam.


Registrandoti confermi di accettare la privacy policy