Sono disponibili le presentazioni del seminario “La (mancata) valutazione del rischio sismico”

La nuova ISO 45001:2018. Perché conviene alle aziende
22 febbraio 2018
È stata pubblicata la nuova ISO 45001
13 marzo 2018

 

Presentazione


Il 16 febbraio 2018 Igeam ha organizzato un seminario sulla mancata valutazione del rischio sismico in Italia.

Gli obiettivi del seminario sono stati:

  • offrire approfondimenti di natura metodologica e tecnica che permettano di ricostruire l’architettura normativa che definisce il piano di valutazione della sicurezza sismica nella sua interezza e gli interventi richiesti sugli elementi strutturali e non strutturali;
  • riflettere concretamente sulla valutazione del rischio sismico per i luoghi di lavoro e nello specifico per le aziende a rischio di incidente rilevante e per gli enti locali;
  • fornire una panoramica sugli incentivi e sulle detrazioni a cui possono accedere le imprese e gli enti pubblici.

 

Interventi


1. Excursus normativo
Ing. Giovanni Cardinale (CNI – Consiglio Nazionale Ingegneri)

2. Pericolosità sismica
Ing. Paolo Clemente (ENEA)

3. La valutazione della sicurezza sismica per gli edifici esistenti
Ing. Felice Ponzo (Università degli Studi della Basilicata)

4. Gli interventi strutturali di adeguamento e miglioramento
Ing. Alessio Lupoi (Sapienza Università di Roma)

5. Il Rischio Sismico ex D.Lgs 81/08
Arch. Massimo Vitucci (IGEAM)

6. Sisma bonus e incentivi fiscali
Dott. Fabrizio Saveri (ANCE – Associazione Nazionale Costruttori Edili)

 

Contattaci per richiedere le slide degli interventi


Letta l'informativa privacy acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679 per le attività e le finalità di cui al punto 2 dell'informativa fornita

Letta l'informativa privacy acconsento all’invio di newsletter, materiale informativo e promozionale sulle iniziative, progetti e servizi offerti dal Gruppo Igeam ai sensi dell'art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679 per le attività e le finalità di cui al punto 3 dell'informativa fornita