Regolamento DPI 2018. I dispositivi di protezione individuale e la gestione della sicurezza

Convegno “La gestione integrata degli agenti chimici in azienda” – Fiuggi, 27 giugno 2018
24 aprile 2018
Industria 4.0 L’impatto digitale sulle aziende – Faenza, 7 giugno 2018
10 maggio 2018

Il 21 aprile 2018 è entrato in vigore il Regolamento 2016/425 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 marzo 2016 sui dispositivi di protezione individuale (DPI). Il Regolamento abroga la direttiva 89/686/CEE ed ha a tutti gli effetti valenza di legge.

Il provvedimento si è reso necessario per sopperire ad alcune mancanze della precedente direttiva ed introduce importanti cambiamenti nel mondo della sicurezza sul lavoro.

In particolare, con il nuovo Regolamento sui dispositivi di protezione individuale aumenteranno le responsabilità dei produttori, degli importatori, dei distributori e dei rivenditori. Al tempo stesso verrà garantita una maggiore affidabilità dei prodotti e la presenza di informazioni più complete per tutte le categorie dei DPI.

 


L’entrata in vigore del nuovo Regolamento sui DPI cambia il mondo di gestire la sicurezza sul lavoro.

Non perdere altro tempo. Inviaci la tua richiesta per ricevere la nostra completa assistenza!


 

PERCHÉ UN NUOVO REGOLAMENTO SUI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE


Il nuovo Regolamento sui dispositivi di protezione individuale (DPI), che interessa direttamente i fabbricanti e tutta la catena di distribuzione (importatore, distributori), si pone l’obiettivo di rispondere alle carenze e alle incongruenze nella copertura dei prodotti e nelle procedure di valutazione di conformità della Direttiva 89/686/CEE.

Il nuovo provvedimento persegue, quindi, i seguenti obiettivi:

– stabilire i requisiti per la progettazione e la fabbricazione dei DPI;
– garantire la protezione della salute e della sicurezza degli utilizzatori;
– stabilire delle regole obbligatorie per tutti gli Stati Membri senza differenze di recepimento dagli Stati stessi.

 

LE PRINCIPALI NOVITÀ INTRODOTTE DAL NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO


Sono diversi i cambiamenti introdotti dal provvedimento relativo ai dispositivi di protezione individuale. In particolare emerge come:

– tutti i nuovi DPI immessi sul mercato dovranno avere una Dichiarazione di Conformità e un link diretto dove trovarla;
– la Certificazione Europea avrà una validità massima di 5 anni;
– i DPI su misura rientreranno nel Regolamento;
– aumenteranno le responsabilità dei produttori, degli importatori, dei distributori e dei rivenditori.

Inoltre i nuovi Certificati CE saranno rilasciati a partire dal 21 aprile 2018. I certificati esistenti relativi alla vecchia Direttiva saranno validi fino al 2023, a condizione che il prodotto non subisca variazioni che ne richiedano una nuova certificazione e che l’attuale certificato non presenti una data di scadenza precedente.

 

NUOVA DEFINIZIONE DELLE CATEGORIE DEI DPI 


Con il nuovo Regolamento sui dispositivi di protezione individuale, un DPI conforme alla precedente direttiva può cambiare categoria di appartenenza.

La nuova definizione delle tre categorie dei DPI è la seguente:

Categoria I

Comprende i rischi dovuti: a lesioni meccaniche superficiali; al contatto con prodotti per la pulizia poco aggressivi o contatto prolungato con l’acqua; al contatto con superfici calde che non superino i 50 °C; alle lesioni oculari dovute all’esposizione alla luce del sole (diverse dalle lesioni dovute all’osservazione del sole); alle condizioni atmosferiche di natura non estrema.

Categoria III 

Comprende esclusivamente i rischi che possono causare conseguenze molto gravi quali morte o danni alla salute irreversibili rispetto a sostanze e miscele pericolose per la salute; atmosfere con carenza di ossigeno; agenti biologici nocivi; radiazioni ionizzanti; ambienti ad alta temperatura aventi effetti comparabili a quelli di una temperatura dell’aria di almeno 100 °C; ambienti a bassa temperatura aventi effetti comparabili a quelli di una temperatura dell’aria di – 50 °C o inferiore; cadute dall’alto;  scosse elettriche e lavoro sotto tensione; annegamento; tagli da seghe a catena portatili; getti ad alta pressione; ferite da proiettile o da coltello; rumore nocivo.

Categoria II 

Include i rischi non elencati nelle due categorie precedenti.

E’ subito evidente come gli otoprotettori passino alla categoria più elevata. Al tempo stesso, però, si rileva anche una lista molto più lunga di rischi da cui devono proteggere i DPI di III categoria, quali radiazioni ionizzanti, annegamento, ferite da proiettili o coltelli, tagli da motosega manuale e getti ad alta pressione.

Dalla lettura dei RES inoltre emergono alcune novità di rilievo:

– sono classificati come DPI anche i dispositivi amovibili;
– per quanto riguarda i DPI di protezione dalle vibrazioni meccaniche, scompare l’obbligo per questi di dover attenuare il valore efficacie delle accelerazioni trasmesse all’utilizzatore al di sotto dei valori limite raccomandati, rimanendo di fatto la sola indicazione di poter attenuare opportunamente le componenti di vibrazione trasmesse. La modifica nasce evidentemente dalla consapevolezza della scarsa efficacia di questa tipologia di DPI;
– nell’ambito dei DPI di protezione per le scosse elettriche, compaiono al fianco dei DPI isolanti anche i DPI conduttori per operatori che lavorano sotto tensione;
– relativamente alle protezioni dalle radiazioni non ionizzanti, oltre ai già presenti schermi/occhiali da protezione per le radiazioni ottiche si fa riferimento anche ai DPI destinati a proteggere la pelle dalle radiazioni non ionizzanti, i quali devono poter assorbire o riflettere la maggior parte dell’energia irradiata alle lunghezze d’onda nocive.

 

LA DOCUMENTAZIONE TECNICA DEI DPI


La documentazione tecnica deve specificare i mezzi utilizzati dal fabbricante per garantire la conformità dei dispositivi di protezione individuale ai requisiti essenziali di salute e di sicurezza applicabili. Tale documentazione deve comprendere almeno i seguenti elementi:

– una descrizione completa del DPI e dell’uso cui è destinato;
– una valutazione dei rischi da cui il DPI è destinato a proteggere;
– un elenco dei requisiti essenziali di salute e di sicurezza applicabili al DPI;
– disegni e schemi di progettazione e fabbricazione del DPI e dei suoi componenti, sottoinsiemi e circuiti;
– le descrizioni e le spiegazioni necessarie alla comprensione dei disegni, degli schemi e del funzionamento del DPI;
– riferimenti delle norme armonizzate che sono state applicate per la progettazione e la fabbricazione del DPI. In caso di applicazione parziale delle norme armonizzate, la documentazione deve specificare le parti che sono state applicate;
– se le norme armonizzate non sono state applicate o lo sono state solo parzialmente, la descrizione delle altre specifiche tecniche che sono state applicate al fine di soddisfare i requisiti essenziali di salute e di sicurezza applicabili;
– i risultati dei calcoli di progettazione, delle ispezioni e degli esami effettuati per verificare la conformità del DPI ai requisiti essenziali di salute e di sicurezza applicabili;
– relazioni sulle prove effettuate per verificare la conformità del DPI ai requisiti essenziali di salute e di sicurezza applicabili e, se del caso, per stabilire la relativa classe di protezione;
– una descrizione dei mezzi usati dal fabbricante durante la produzione del DPI per garantire la conformità del DPI fabbricato alle specifiche di progettazione;
– una copia delle istruzioni e delle informazioni del fabbricante;
– per i DPI prodotti come unità singole per adattarsi a un singolo utilizzatore, tutte le istruzioni necessarie per la fabbricazione di tali DPI sulla base del modello di base approvato;
– per i DPI prodotti in serie in cui ciascun articolo è fabbricato per adattarsi a un singolo utilizzatore, una descrizione delle misure che devono essere prese dal fabbricante durante il montaggio e il processo di produzione per garantire che ciascun esemplare di DPI sia conforme al tipo omologato e ai requisiti essenziali di salute e di sicurezza applicabili.

La documentazione è la stessa a prescindere dalla categoria del DPI.

 

LE CONSEGUENZE DEL NUOVO REGOLAMENTO DPI PER IL RESPONSABILE DELLA SICUREZZA


Il nuovo Regolamento sui dispositivi di protezione individuale garantisce una maggiore affidabilità dei prodotti, comporta la presenza di informazioni più complete per tutte le categorie dei DPI e prevede anche la possibilità di scaricare la dichiarazione di conformità dai siti internet del produttore.

Tra le responsabilità di cui il datore di lavoro deve farsi carico si evidenzia, principalmente, l’eventuale necessità di programmare lo specifico addestramento per i DPI di III categoria, soprattutto nel caso in cui si verificassero passaggi di categorie tra quelli utilizzati.

 


L’entrata in vigore del nuovo Regolamento sui DPI cambia il mondo di gestire la sicurezza sul lavoro.

Non perdere altro tempo. Inviaci la tua richiesta per ricevere la nostra completa assistenza!