parallax background
Covid-19: come cambia la gestione della sorveglianza sanitaria nei luoghi di lavoro
La gestione del rischio legionella negli ambienti di lavoro dopo il Covid-19
8 Settembre 2020
Il Gruppo Igeam completa un’operazione di direct lending da 2 milioni di euro con HI CrescItalia PMI Fund
5 Ottobre 2020

I contenuti riportati qui di seguito sono tratti dal Capitolo 7, La sorveglianza sanitaria correlata al Covid-19, scritto da Fulvio D’Orsi, Direttore Scientifico di Igeamed, Piero Patanè, Danilo Bontadi e Gilberto Boschiroli, ANMA, e pubblicato all’interno del testo, Una sintesi dei contributi delle Associazioni di CIIP in occasione dell’emergenza COVID-19, disponibile al seguente link.

Covid-19 e sorveglianza sanitaria

Con la diffusione del Covid-19 sono inevitabilmente cambiate alcune delle misure che definiscono l’attività di sorveglianza sanitaria nei luoghi di lavoro.

In questa fase, la sorveglianza sanitaria si pone l’obiettivo di accompagnare le persone nel rientro al lavoro, sia valutando l’idoneità lavorativa, in particolare, dei soggetti ipersuscettibili, sia attuando azioni in stretta sinergia con i Medici di Medicina Generale (MMG) e gli organi di sanità pubblica.

L’attività di sorveglianza sanitaria si rivela determinante per:

  • evitare che un lavoratore diffonda il contagio in azienda;
  • prevenire lo sviluppo di focolai epidemici dal luogo di lavoro, tutelando sia la salute del lavoratore, sia la collettività.

In questo senso, sono diverse le disposizioni normative che hanno definito in modo più puntuale le misure della sorveglianza sanitaria correlate al Covid-19:

  • Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro del 24 aprile 2020, allegato al DPCM del 17.5.2020.
  • Documento tecnico sulla possibile rimodulazione delle misure di contenimento del contagio da SARS-Cov-2 nei luoghi di lavoro e strategie di prevenzione, approvato dal Comitato Tecnico Scientifico e pubblicato dall’INAIL il 23 aprile 2020.
  • DL n. 34 del 19 maggio 2020 convertito con modificazioni dalla L. 17 luglio 2020 n. 77.
  • Circolare del Ministero della Salute n. 14915 del 29 aprile 2020.
  • DL 83 del 30 luglio 2020.
  • Circolare del Ministero della salute e del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali n. 13 del 4 settembre 2020.
  • Nota del Ministero dell’Istruzione ai dirigenti scolastici n. 1585 del’11 settembre 2020.

Come cambia la gestione della sorveglianza sanitaria

Nella prima fase della pandemia, alcune raccomandazioni chiedevano:

  • di differire la sorveglianza sanitaria al pari di tutte le prestazioni sanitarie di carattere non urgente e soprattutto non di tipo clinico-diagnostico;
  • nei casi urgenti, di sostituire la visita medica con un colloquio clinico-anamnestico da remoto, unito all’esame di documentazione sanitaria già esistente.

Nella fase attuale tali indicazioni possono essere ritenute superate, e non soltanto perché stiamo vivendo una situazione pandemica differente. In realtà, la sorveglianza sanitaria rappresenta uno degli strumenti più efficaci per accompagnare il rientro dei lavoratori e favorire una ripresa sicura del lavoro.

Questo però richiede una riorganizzazione nelle procedure e nei contenuti, per fare in modo che l’attività di sorveglianza sanitaria sia in grado di rispondere alle problematiche del periodo di emergenza che stiamo attraversando.

Pubblicazione

I contributi di CIIP

Sorveglianza sanitaria

Uno degli strumenti più efficaci per accompagnare il rientro dei lavoratori e favorire una ripresa sicura del lavoro

Visite urgenti

  • Visite preventive/preassuntive
  • Visite su richiesta
  • Visite da rientro

Accertamenti da evitare

Gli accertamenti diagnostici che possono maggiormente esporre al rischio di contagio (es. esami spirometrici e test alcolimetrici)

Covid-19: Igeam al fianco delle imprese

Per supportare le organizzazioni in questa fase così delicata, abbiamo messo a disposizione il nostro know how nel campo della medicina e della sorveglianza sanitaria e della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Le visite urgenti e quelle differibili

La Circolare 14915 del Ministero della salute, emanata in aprile, indicava la possibilità di differire le visite mediche periodiche (art. 41, comma1, lettera b) e le visite di fine rapporto di lavoro (art. 41, comma 1, lettera e) a dopo il 31 luglio 2020. La successiva Circolare n. 13, emanata in settembre, raccomanda nella fase attuale di tendere gradualmente al ripristino della sorveglianza sanitaria, a condizione che sia consentito operare nel rispetto delle misure igieniche e tenendo conto dell’andamento epidemiologico locale.

Nella fase attuale, le visite periodiche e di fine rapporto possono ancora essere differite, secondo la valutazione del medico. In particolare, è preferibile rimandare le visite periodiche che prevedono scadenza più lunghe, riguardanti soggetti con piena idoneità, appartenenti alle fasce di età più giovani.

Sono considerate invece urgenti e non differibili:

  • le visite preventive/preassuntive (art. 41 comma 1 lettera a ed e-bis);
  • le visite su richiesta (lettera c);
  • le visite da rientro (lettera e-ter).

Nel caso di visite per cambio mansione (lettera d), l’urgenza è da valutare in relazione alle condizioni del lavoratore e alla differenza di esposizione ai rischi lavorativi rispetto alla mansione già ricoperta.

Ad ogni modo, i lavoratori che vanno prioritariamente esaminati sono i soggetti con età superiore a 55 anni, portatori di patologie, idonei con limitazioni/prescrizioni, anche per quanto attiene agli aspetti di ipersuscettibilità.

Corporate Healthcare

Per la promozione della salute e i servizi di welfare in azienda, la soluzione è rappresentata da Igeamed, società del Gruppo Igeam che nel campo della salute e del benessere supporta le più importanti organizzazioni Pubbliche e Private.

Come svolgere le visite

Secondo le circolari che abbiamo citato, le visite mediche non possono essere eseguite a distanza e devono necessariamente prevedere il contatto diretto tra il medico e il lavoratore. Questo significa che devono essere effettuate in condizioni tali da minimizzare il rischio di diffusione del contagio.

Non a caso, la Circolare 13:

  • raccomanda di evitare l’affollamento nella sala di attesa;
  • vieta di presentarsi a visita con febbre o sintomi respiratori anche lievi;
  • raccomanda al lavoratore di indossare la mascherina in sala d’attesa e durante la visita;
  • richiede un’adeguata igiene delle mani.

Sono invece da evitare gli accertamenti diagnostici che possono maggiormente esporre al rischio di contagio, quali esami spirometrici e test alcolimetrici (per la forte emissione di droplet e possibile formazione di aerosol). L’effettuazione di questi esami richiede la possibilità di applicare misure preventive e DPI adottati in ambito ospedaliero per procedure analoghe.

Anche gli accertamenti diagnostici integrativi apparentemente meno rischiosi, come ad esempio visiotest, audiometrie e drug test, devono essere eseguiti con idonee cautele (uso della mascherina da parte del paziente, disinfezione delle attrezzature tra un soggetto e l’altro, ecc.) o, in alternativa, differiti.

La gestione del rientro al lavoro

Il DPCM del 26.4.2020 ha esteso l’obbligo della visita medica alla ripresa del lavoro dopo assenza per malattia di durata superiore a 60 giorni continuativi (art. 41, comma1, lettera e-ter) a tutti i casi di Covid-19, indipendentemente dalla lunghezza dell’assenza.

La visita deve essere effettuata quando la malattia ha richiesto il ricovero ospedaliero (Circolare del Ministero della salute n. 14915 del 29.4.2020). La sua finalità è valutare l’idoneità al lavoro al momento della ripresa dell’attività lavorativa, in relazione alla possibile riduzione della funzionalità respiratoria, alla perdita di forza muscolare conseguente all’immobilizzazione in terapia intensiva, alla necessità di fisioterapia e riabilitazione.

I criteri per il rientro al lavoro possono essere sintetizzati in questo modo:

CASISTICA

Caso di Covid-19 accertato con ricovero ospedaliero

CRITERI PER IL RIENTRO A LAVORO

  • Certificazione di avvenuta negativizzazione da parte del Dipartimento di prevenzione della ASL di competenza a seguito di due tamponi negativi effettuati a distanza di almeno 24 ore + visita da rientro effettuata dal medico competente

CASISTICA

Caso di Covid-19 accertato senza ricovero ospedaliero

CRITERI PER IL RIENTRO A LAVORO

  • Certificazione di avvenuta negativizzazione da parte del Dipartimento di prevenzione della ASL di competenza a seguito di due tamponi negativi effettuati a distanza di almeno 24 ore + visita da rientro effettuata dal medico competente solo se l’assenza ha superato i 60 giorni continuativi

CASISTICA

Lavoratore in quarantena o in isolamento fiduciario (contatto stretto di un caso accertato, provenienza dall’estero o da zona a rischio, etc.)

CRITERI PER IL RIENTRO A LAVORO

  • Alla scadenza del periodo di quarantena senza alcuna specifica certificazione

CASISTICA

Lavoratore sintomatico (possibile sospetto Covid-19) che non ha effettuato il tampone

CRITERI PER IL RIENTRO A LAVORO

  • Alla scadenza del periodo di malattia certificato dal medico di medicina generale senza alcuna specifica certificazione di guarigione. E’ comunque consigliato il contatto tra medico competente e MMG per una migliore comprensione del caso

Lavoratori fragili

Alla luce dell’emergenza Covid-19, Inail ha di recente attivato un servizio specifico per la sorveglianza sanitaria (eccezionale) dei lavoratori fragili.

I test diagnostici

Il “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro del 24 aprile 2020” prevede che il medico competente possa adottare nella sorveglianza sanitaria “mezzi diagnostici utili al fine del contenimento della diffusione del virus e della salute del lavoratore”.

Purtroppo, però, ad oggi non sono disponibili strumenti diagnostici che rispondano appieno a queste esigenze.

I test diagnostici che vengono adottati più diffusamente sono principalmente di due tipi:

  • Test di diagnosi molecolare che rilevano il virus nelle secrezioni respiratorie attraverso metodi di RT-PCR (metodica molecolare rapida) per amplificazione di geni virali (tampone rino-faringeo).
  • Test sierologici che rilevano gli anticorpi IgG e IgM specifici verso il virus SARSCoV-2. I test sierologici a loro volta sono di due tipi, quelli rapidi e quelli quantitativi o semi-quantitativi.

Ad oggi la diagnosi di Covid-19 poggia unicamente sul risultato del tampone-nasofaringeo, unico strumento diagnostico riconosciuto e validato, con alta specificità, ma con una sensibilità che varia dal 66 al 74% in fase pre-analitica.

Secondo il parere espresso dal Comitato tecnico scientifico istituito presso il Dipartimento di Protezione civile, i test sierologici non possono, allo stato attuale dell’evoluzione tecnologica, sostituire il test molecolare basato sull’identificazione di RNA virale dai tamponi nasofaringei, secondo i protocolli indicati dall’OMS.

L’uso dei test sierologici è quindi attualmente raccomandato soprattutto nella ricerca e nella valutazione epidemiologica della circolazione virale, in quanto può evidenziare a posteriori l’avvenuta esposizione al virus anche in soggetti asintomatici o paucisintomatici, consentendo di stimare la diffusione dell’infezione in una comunità e per definire più compiutamente il tasso di letalità dell’infezione virale rispetto al numero di pazienti contagiati.

Questo contenuto ti è stato utile?
Non perderti nessuna novità con la newsletter di Igeam